LogIn

Agopuntura


L’agopuntura è una pratica medica antichissima, applicata in Cina da 3000 anni e tramandata fino a noi attraverso secoli di pratica clinica. E’ una medicina che non utilizza farmaci ma induce il corpo ad utilizzare le “proprie” sostanze endogene per ripristinare l’equilibrio energetico che la malattia, intesa come disequilibrio causato da errate abitudini alimentari e di vita o da patogeni esterni, aveva alterato. E’ una medicina olistica, che cura il soggetto nella sua interezza, corpo e mente come un tutt’uno. Quello che si attua attraverso l’apposizione di aghi in precisi punti del corpo, è l’innesco di un meccanismo che porta alla stimolazione di precise vie del sistema nervoso periferico e centrale (meccanismi neurofisiologici oggi in gran parte noti, soprattutto per quanto riguarda l’azione sul dolore) che determinano la stimolazione e modulazione  di precise vie, sia neurologiche che endocrine, che sono in grado di regolare le diverse funzioni corporee: somatiche, viscerali e psichiche. Gli antichi testi cinesi affermano che la stimolazione degli “agopunti” “fa muovere il Qi”(essenza vitale) nella rete dei meridiani che interessano sia l’esterno che l’interno del corpo e gli organi. In base agli squilibri evidenziati dal medico nella valutazione clinica preliminare, attraverso tecniche di  stimolazione o dispersione dei punti vengono tonificate, sedate od equilibrate le varie funzioni: vengono cioè limitati gli eccessi ed incrementate le carenze presenti.
Per questi motivi l’effetto dell’agopuntura non si evidenzia immediatamente dopo una singola applicazione, ma si manifesta durante il corso del ciclo di trattamento. Vengono di solito richieste, dopo la visita preliminare, da 6 a 10 sedute a cadenza solitamente settimanale, in base alla tipologia e alla gravità della patologia diagnosticata. Ogni seduta dura in media 30 minuti e comprende: la valutazione dell’andamento del quadro clinico, l’infissione degli aghi ed il periodo di mantenimento degli aghi in situ. Dato che non vengono utilizzati farmaci l’agopuntura risulta particolarmente indicata per i soggetti allergici, le gravide, le donne in allattamento e per quei pazienti che, affetti da molte patologie si giovano di non sommare gli effetti di altri medicinali alla lunga serie di terapie assunte.
L’agopuntura, praticata da mani esperte di medici qualificati, non presenta praticamente effetti collaterali.
Le indicazioni per le quali viene consigliata l’agopuntura in base a criteri EBM (Evidence Based Medicine) e ai dettami dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sono:

  1. Patologia Muscolo Scheletrica: cervicoalgie, dorsalgie, lombalgie, spalla dolorosa, epicondilite, gonartrosi, coxartrosi, algie della caviglia e del piede, del polso e delle mani, artrite reumatoide, fibromialgia.
  2. Asma e rinite allergica
  3. Patologie neurologiche: cefalea, nevralgia del trigemino, nevralgie posterpetiche
  4. Disturbi gastroenterologici: colon irritabile, reflusso gastroesofageo, gastrite
  5. Ginecologia e Ostetricia: patologie dolorose in gravidanza, nausea gravidica, ipogalattia, rivolgimento fetale podalico, disturbi del ciclo,  dismenorrea, sindrome climaterica
  6. Patologia urologica: incontinenza urinaria femminile, cistiti asettiche, impotenza maschile
  7. Ansia, depressione, insonnia
  8. Sedazioni in corso di gastroscopie, colonscopie e piccoli interventi in anestesia locale.

Contatto responsabile


Dr.ssa Patrizia BETTI
Medico chirurgo, Specialista in Anestesia e Rianimazione, esperta in Agopuntura
Tel. 02 64442409
patrizia.betti@ospedaleniguarda.it
prometeo@psicosomatica.org